Cerca nel blog

Caricamento in corso...

2 giugno 2015

Il vero nome di Dio

Attualmente sono alla ricerca di una spiritualità di cui mi sono privato tempo fa. Mi trovo in un periodo difficile, senza lavoro, senza speranza, ed è in questo periodo che ho iniziato a frequentare un gruppo religioso, i Testimoni di Geova.

[luce del sole che scende dalle nuvoli celesti su un monte]

All'incontro con uno dei fratelli della congregazione, la prima domanda che mi viene in mente è: perché lo chiamate Geova? Diciamo che i TDG sono dei bravi oratori ed è difficile metterli in difficoltà ma quando poni a loro una domanda concreta, non rispondono mai in modo concreto, semmai citano ciò che avevano letto e girano intorno alle parole. La risposta che fu data a me è che il nome Geova compariva quasi 7 mila volte nella bibbia e poi fu cancellato con il tempo e sostituito con Dio, Padre Celeste, l'Onnipotente, ecc. Facendo una piccola ricerca mi sono reso conto che in realtà non si trattava affatto del nome Geova ma del tetragramma in ebraico - יהוה che nella nostra lingua è impossibile leggere ma è trascrivibile in questo modo YHWH.

I nomi citati nella bibbia cristiana sono i seguenti:
  • HaShem
  • Adonai
  • Ein Sof
  • Ehad
  • El
  • El Chai
  • E-l da'ot
  • Elohim
  • Eloah
  • Iah
  • Kol
  • Shadday
  • Yahweh
Questo non contando che quello di Gesù Cristo viene definito anche come Yahushua. Del resto, non si prendono in considerazione anche altre religioni, come ad esempio l'Islam dove il Dio ha il nome Allah. Ma torniamo al cristianesimo e analizziamo il perché di tutti questi nomi. Il cristianesimo è una religione monoteista. Questo implica che c'è solo un Dio, l'unico, l'onnipotente ed il misericordioso. Dal punto di vista puramente logico quale senso avrebbe che un Dio Cristiano avesse tutti questi nomi? I nomi citati nella bibbia sono attributi: il grande, l'altissimo, l'onnipotente; non sono nomi propri. Non ha quindi senso che un Dio, un unico Dio abbia per forza un nome.

Sicuramente se parlate con un Testimone di Geova del perché di tutto questo, egli vi citerà un verso della Bibbia che dice che molti saranno i falsi profeti e falsi nomi degli Dei. Sì, ma qui parliamo di un solo Dio, di quello Cristiano.

Con i TDG ho scoperto un'interessante tattica per rispondere alle domande, quella di citare i versi della Bibbia, ed è ciò che concluderà questo post. E' facile manipolare le sacre scritture a proprio interesse, ma non è questo che farò. Citerò dei versi che in realtà rivelano una verità che non prevede la guerra tra le varie religioni, anzi, la fratellanza.
Poi vidi il cielo aperto, ed ecco un cavallo bianco; e colui che lo cavalcava si chiama il Fedele e il Verace; ed egli giudica e guerreggia con giustizia. Ed i suoi occhi erano una fiamma di fuoco, e sul suo capo v’erano molti diademi; e portava scritto un nome che nessuno conosce fuorché lui.
(Apocalisse 19:11,12)
Dai seguenti versi si può notare che solo Dio conosce il proprio nome e nessun altro. Interessante rivelazione.

Nella bibbia trovate altrettanto i seguenti versetti:
Ma io vi dico: Amate i vostri nemici e pregate per quelli che vi perseguitano.
(Matteo 5:44)
Queste sono le parole di Gesù che dice di amare perfino i nemici e pregare per coloro che ci perseguitano, o meglio, ci vogliono fare del male. Non c'è bisogno quindi di dare per forza un nome a Dio per glorificarlo, lodarlo e pregare per lui. La divisione crea avversione. Non ci deve essere guerra alcuna, sopratutto se fondata su un semplice nome.

Articoli simili:

4 commenti :

  1. Ciao Jan, Ho parlato anche io una volta con i testimoni di Geova, giusto per capire in cosa esattamente credevano visto che tutti li evitano come la peste.
    Però non mi sono sembrati poi un qualcosa di così speciale... sono cristiani come altri... con gli stessi identici luoghi comuni e preconcetti.
    La loro fede ruota attorno al presunto vero nome di Dio, che è stato rivelato nella Bibbia.
    Come esempio a me hanno portato la situazione in cui se tu vedi una persona che passa per strada che si chiama Gino, tu lo chiami Gino... non lo chiami ad esempio Pietro.
    Però paragonare Dio ad una persona è già di per sé controverso dico io.
    Sono cristiani come altri, se non peggio per dirla tutta. Ancora nel 2015 negano le teorie di Darwin, rifiutano la scienza e credono ancora alla bella storiella dell'uomo creato a immagine e somiglianza di Dio.
    Perché io sono un pessimo oratore, altrimenti avrei potuto tranquillamente tappargli la bocca con certe argomentazioni che nemmeno avrebbero capito.

    Se non ti dispiace vorrei proporre qui un mio post
    http://nuova-eden.blogspot.it/2014/12/riflessioni-su-dio-e-luniverso.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Xander che passi.

      Io con loro ho incontri regolari perchè mi hanno proposto di studiare la bibbia ma cerco di non indottrinarmi e conservare comunque una mia personalità. Lo dico perchè spesso quando si fa il lavaggio di cervello, la personalità della persona viene annullata ed in fin dei conti viene data/offerta alla religione per poi essere sfasciata.

      Certo, darò un'occhiata al tuo articolo.

      Elimina
    2. Vero Jan. Fai bene a interessarti e fai bene anche a mantenere un certo distacco.
      Comunque avevi già letto il post e lo avevi commentato. L'ho condiviso perché mi sembrava pertinente al discorso.
      Ciao :)

      Elimina
  2. Yahushua significa Giosuè, che poi è stato tradotto come Gesù, diciamo per "distinguerlo" e renderLo quindi immediatamente riconoscibile anche soltanto dal nome.

    Sono d'accordo con il fatto che Dio è Dio ed un nome per Qualcosa di così infinitamente grande serve soltanto a parlarne, non certo ad identificarLo.

    Per quanto riguarda i Testimoni di Geova ... ci ho parlato più volte ma trovo le loro argomentazioni legate più alle parole ( che vogliono convincerti ad interpretare in modo unilaterale...) che ai concetti e questo non mi piace, perchè è quello che fanno le sette.

    Io studio la Bibbia insieme ad un sacerdote cattolico ed è stupefacente come questo testo sia assolutamente attuale e capace di aiutarci a risolvere le nostre questioni; il mondo interiore degli uomini, dopo millenni, non è affatto cambiato.

    Quello che conta, comunque, è che tu sia alla ricerca del tuo modo di vivere la spiritualità...perchè è una parte fondamentale di noi stessi ed è l'unica che può aiutarti in questo momento momento difficile.

    Ti consiglio la lettura de "Le Confessioni" di Sant'Agostino; per me è stato un libro importante, soprattutto perchè sono stato ateo per buona parte della mia vita.

    Un saluto e l'augurio di una buona settimana.

    RispondiElimina

NOTA IMPORTANTE:
Firmarsi è segno di educazione!