Cerca nel blog

31 ottobre 2014

Al di là del disagio mentale c'è il coraggio

Ci sono troppi periodi nella vita che sembra facciano capire che le cose devono andare per forza male. Allora arrivi ad un punto di insopportazione dell'ansia e vieni assalito da malinconia e profonda apatia che spesso sembra una via di salvezza. In realtà è solo un modo diverso di soffrire che offre possibilità di sfogo. Sembra che tutto quello che succede nella vita sia uguale e ripetitivo creando l'illusione di sapere o prevedere cosa succederà dopo. Pare che sia difficile affrontare le guerre come quelle con i pensieri, con i propri familiari, con le paure e con le persone considerate care.

[un bambino che tocca la testa di un orso]

C'è una sofferenza dentro di me che non riesco a spiegare a parole. Sembra un grido che cerca qualcosa oltre il reale perchè la realtà che vivo attualmente non mi basta. Non sembra nemmeno che sia qualcosa che mi appartiene.

A volte l'egoismo delle persone a cui tieni è insopportabile ed inaffrontabile. Ti aggrappi a tutto quello che ti circonda per trovare una via d'uscita, un qualcosa che non ti faccia più soffrire. Desideri dare agli altri quello che non hai tu: pace, tranquillità, felicità e amore. E ti rendi conto però che il tuo dono non è apprezzato, probabilmente per la mancanza di coraggio in chi lo riceve e l'incapacità di accettazione. Allora ti chiedi "come far capire quando vale la pena donare e quando no? come renderti conto se la persona a cui lo doni è degna di ciò?". Penso che un solo fatto sia importante: le cose che si fanno sinceramente, che partono dal cuore, che sono fatte con serenità ed allegria, avranno sempre un valido motivo per essere accettate. Il punto è che quasi mai si riesce ad essere spontanei quando si sta male. Non si esce proprio da quel circolo vizioso senza iniziare a vivere e godere di quello che si ha intorno.

Dobbiamo ammettere a noi stessi l'assenza di affetto e la presenza di: indifferenza, arroganza e vigliaccheria che spesso appare e ci porta a trovare delle scuse. In quest'epoca di distacco totale dai sentimenti abbiamo un atteggiamento artificiale e finto che spesso porta solo a far parte di un sistema già sostenuto da milioni di persone pronte a sfruttare e distruggere.

Comportarsi in modo differente, non fidarsi ciecamente delle autorità, evitare di essere indottrinati e influenzati è coraggio. Ed è proprio il coraggio che ci manca spesso.

5 commenti :

  1. Grande post , veramente grande ..pieno di riflessioni vere e concrete purtroppo, che io riesco a percepire essendo stata toccata molto recentemente dal dolore vero che ti fa scegliere poi tra il superfluo e l'essenziale , persone comprese.
    Mi sono permessa di iscrivermi, sperando in un tuo gradito ricambio!
    Un abbraccio forte e grazie!
    http://rockmusicspace.blogspot.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie amico mio, grazie due volte per la felicità che la tua iscrizione mi ha dato e per la velocità con la quale l'hai fatta...
      Vado a salvare il tuo bellissimo blog nel roll preferiti!
      Bacio

      Elimina
  2. Ma è strano. Ho lasciato un commento ed è sparito. Hai la moderazione dei commenti?
    Eh si, vedo ora che è sparito. Riscriverlo è difficile e soprattutto non sarebbe più spontaneo come quello che avevo lasciato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ambra. No, non c'è alcuna moderazione dei commenti. Questo è il primo che ricevo da te su questo post.

      Purtroppo penso sia un problema di google. A volte quando scrivi e non sei loggato e poi clicchi "Pubblica" si logga ma fa sparire il commento e ti appare la form vuota.

      Mi dispiace che sia sparito.
      Jan

      Elimina

NOTA IMPORTANTE:
Firmarsi è segno di educazione!