Cerca nel blog

Caricamento in corso...

7 ottobre 2011

Spariscono gli uomini e le donne vere

Alcuni penseranno che quest'argomento ha poco a che fare con l'attualità, ma io cercherò di dimostrare il contrario.
Forse alcuni conoscono le parole patriarcato e matriarcato. Spero di sì.
Per molti però, sarebbe una questione legata alla cultura e forse alla storia.
Esistono società matriarcali e patriarcali, dove è dominante o l'uomo o la donna. Questo è un dato di fatto, dimostrato sia dai fatti storici, sia dagli studi che si fanno in vari ambiti. Ma come si fa a capire se è meglio la dominazione maschile o quella femminile? Beh, una persona normale risponderebbe che secondo alcuni aspetti come il rendimento e lo sviluppo del paese, se ragioniamo in prospettiva politica e globale. Ma io resto sulla mia posizione, cioè che la dominazione di un individuo si debba scegliere a seconda dei suoi gusti e non imposta in nessun modo né dalla società, né dalla sua famiglia, né dalla politica.

[maschio e femmina fanno la guerra dei sessi con la palla sulla spiaggia con le gambe nude in mutande]

Non so perché ma la dominazione maschile mi sembra quella più naturale e giusta. Non sono riuscito a conoscere ancora il patriarcato in prima persona, ma penso sia un sistema costruttivo e logico. Il patriarcato ha tirato su molte nazioni e ha portato avanti molte culture, tradizioni. Mi posso certamente sbagliare ma penso che si debba seguire la via del proprio sentimento. Non riesco ad immaginarmi di amare e convivere con una matriarca. In generale le mie relazioni con il sesso opposto possono essere fondate su certi valori, tra quali è esclusa la dominazione dell'uomo da parte della donna. Infatti come ho già detto, la dominazione maschile somiglia più ad una dominazione naturale e sana, pure in natura la si può notare(esempi:le relazioni tra gli animali, l'accoppiamento). Sarebbe anche una specie di bilancia che regola le relazioni ed il comportamento tra le persone.
La dominazione per me potrebbe avere molti significati. Per esempio la più sadica mi sembra quella contro la volontà di qualunque essere. Penso sia pure meschino attribuire ad essa addirittura un significato religioso, simbolico o storico.
Come ho già detto, dominare o meno, è scelta di ogni essere umano … se una donna vuole dominare un uomo, si cerchi uno che soddisfarebbe i suoi bisogni naturali e non proclami che dominare un uomo sia giusto oppure cerchi di convertire gli uomini in zerbini e addirittura che lo facciano gli uomini stessi. Magari fosse una mia impressione questa, ma ciò succede nella vita di tutti i giorni, alcune infatti proclamazioni sono incoscienti, mentre le altre consapevoli.
Affermare che l'uomo è più predisposto alla violenza fisica e la donna a quella psicologica, non è sessista. Da qui deriva la dominazione da parte femminile, cioè il matriarcato, che attualmente è presente in molte società. In quelle società l'uomo ha poca importanza nell'educazione e gestione dei bambini. Come se l'uomo fosse una cosa che viene usata, cioè prima si sposa, poi si fa un bambino, e dopo un calcio nel culo.
Forse qualcuno si chiederà, ma cos'è che mi preoccupa negli uomini e nelle donne? Forse la loro “avidità” e la loro “mancanza di naturalezza”, poiché amo tutto ciò che non va contro la natura, ma che compie i suoi cicli essenziali per raggiungere l'equilibrio.
Non so se ho espresso bene il mio parere.

Articolo con tematiche simili:
Ignoranza nella guerra tra i sessi

27 commenti :

  1. "la dominazione maschile somiglia più ad una dominazione naturale e sana, pure in natura la si può notare(esempi:le relazioni tra gli animali, l'accoppiamento). Sarebbe anche una specie di bilancia che regola le relazioni ed il comportamento tra le persone."

    Certo, poi una mattina mi sveglio stufo di essere dominato ne da matriarchi o patriarchi
    comincio a sparare su chi mi vuole dominare.
    Uomo o donna.

    RispondiElimina
  2. Se non si é capaci di immaginarci una società dove si é liberi e non dominanti o dominati, prendo in mano il fucile con chi mi vuole mettere sotto, femmina o maschio che sia, o ultimamente una combinazione "femminista" delle due.

    Grazie.

    RispondiElimina
  3. Come premessa ti dico di mettere almeno un nick o nome. Poi guarda, leggi tutto l'articolo. Con il dire "Mi sembra quella naturale" non volevo intendere altro che il mio pensiero, le mie sensazioni ... pur se credo nella parità dei sessi e non mi piace nè il patriarcato, nè il matriarcato.
    Sul "sparare su chi mi vuole dominare" non capisco cosa intendi. Spiegati meglio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la filosofia del dominante o dominato mi sembra più femminista, scusa, ma qui non se ne esce fuori..sono piene di contradizioni, il femminismo é patriarcale, sta di fatto che volere vivere liberi implica la libertà di fare ciò che si vuole senza che qualcuno uomo o donna cerchi di dominarmi per i suoi pruriti.

      Elimina
    2. Ognuno la vede e la interpreta a modo suo. Come fai a dire che il femminismo sia patriarcale, mentre il femminismo stesso nega la presenza della figura maschile in famiglia? Più che patriarcale io lo chiamerei una malattia mentale.

      p.s. Metti un nick! Voglio sapere almeno il nick della persona che commenta il mio blog.

      Elimina
  4. per avere pubblicato, comunque, si potrebbe anche cercare di uscire fuori dalla logica... dominante o dominato, nessuno a questo mondo vuole essere dominato, nel rispetto degli altri uno puo fare quello che vuole se non fa male a nessuno, cercare il dominio su altri é a mio parere ignobile.

    RispondiElimina
  5. Visto che mi rendo conto non sono stati molti civile, grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ho solo visto una persona che è arrivata sul mio blog, senza nemmeno mettere un nick. La buona educazione di presentarsi almeno è civiltà primaria, se per quello.

      Elimina
    2. Nello stesso modo in cui ho pubblicato i commenti, li posso anche cancellare se vuoi. Sto intuendo un po' chi mi sta scrivendo.

      Elimina
  6. E qui ti sbagli, secondo me. Il discorso di prima. E' una questione oggettiva la dominazione. E non vuol dire sempre la stessa cosa. Si può essere dominati per propria volontà. La dominazione sessuale ne è un esempio, figuriamoci nella vita di tutti i giorni.
    La persona che cerca di dominare, pur sapendo che il dominato è contro, è una persona ignobile, e ne sono completamente d'accordo su questo punto. Ma qui si dovrebbe parlare già di violenza.

    RispondiElimina
  7. D'accordo, esistono a mio parere persone che hanno scelto di rifiutare sia l'una che l'altra perché consapevoli di vivere in un imbroglio pazzesco, se qualcuno pensa che non sia così, libero di fare le sue scelte.

    RispondiElimina
  8. E' molto probabile che io stia confondendo con una persona. Ti ho detto di mettere il nick, altrimenti mi viene in mente che tu sia una persona che conosco e con cui ho litigato un po'.

    RispondiElimina
  9. Se il denominatore comune di patriarcato e matriarcato é il volere imporre la volontà dell'uno o dell'altro genere maschile o femminile, come logica di base sono la stessa cosa.

    RispondiElimina
  10. E qual'è quella logica?
    Comunque, il nick lo potevi mettere senza registrarti ;)

    p.s. Scusa se sbagliavo. Mi sembrava davvero fossi una persona che conosco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la logica é che non si esce fuori dallo schema dominato o dominatore, uno potrebbe scegliere di non essere ne l'uno ne l'altro.
      Ne dominatore ne dominato, con quale faccia i femministi cianciano di un pariarcato oppressivo quando vogliono fare la stessa cosa sostituendo un genere con un altro, se mai un vero patriarcato sia mai esistito???

      Elimina
    2. Ho capito cosa intendi. Prendere una posizione neutrale. Beh, io la dominazione la vedo esprimersi in alcuni aspetti della vita, non in tutti. Magari qualche volta penso di dominare qualcuno sessualmente, ma di certo non avrò piacere a sentire di molestare qualcuno. Basta che lui/lei godi da quello che faccio io e si senta a suo agio. Questo per me non è violenza, ma dominazione consentita.
      Poi che uno domini o meno è un suo diritto di scelta, come hai giustamente detto.

      Elimina
  11. Sulla dominazione: se a uno viene fatto il lavaggio del cervello che spinge chichessia a essere dominato da qualcun altro, come per esempio si vedono molti uomini che leccano piedi femminili in sottomissione, non é violenza come la dominazione contro la volotà di qualcuno, ma a monte vi é una manipolazione che ha forme più soft e potrebbe essere una forma sottile di violenza psicologica.

    RispondiElimina
  12. Non c'è dubbio! Violenza psicologica che porta anche a perversione e disturbi mentali.
    Infine non riesco a capire io stesso, se la violenza sia implicata dalla dominazione o il contrario?

    RispondiElimina
  13. E' che a mio parere si confonde la gerarchia utile per lo svolgimento di un compito produttivo con la dominazione per il gusto di dominare. La prima é utile , la seconda va eliminata e non si possono confondere le due. La dominazione psicologica interiorizzata che vorrebbero imporci é una vergogna e non ha nessuna utilità, anzi causa solo violenza e problemi.

    RispondiElimina
  14. Ma con la "dominazione produttiva", mi fai venire in mente i casi razzisti storici, come la sottomissione dei "neri", che non fu poi così positiva.
    Sul fatto che causa violenza ne sono completamente d'accordo. Causa, nel senso che la innesca in qualcuno che la subisce, la dominazione(non consentita).

    RispondiElimina
  15. Cosa intendi per "dominazione produttiva"?

    RispondiElimina
  16. "Ma con la "dominazione produttiva", mi fai venire in mente i casi razzisti storici, come la sottomissione dei "neri", che non fu poi così positiva."

    No, questo é un caso malato di confusione di gerarchia e motivi ideologici

    RispondiElimina
  17. Grazie per i commenti, "neville"!

    RispondiElimina
  18. comunque, la dominazione sessuale volontaria di cui parli e che potrebbe essere piacevole, se il dominato decidesse di mandare a cagare chi domina non capiterebbe niente e ci si farebbe 4 risate, la violenza scatta a un livello di consapevolezza inferiore, quando chi é dominato non é libero di mandare a cagare senza essere umiliato, la prima forma é anche accettabile e richiede molta consapevolezza e presenza di spirito, la seconda forma é da idioti, oltre che pericolosa, non so se si capisce.

    RispondiElimina
  19. Mmmh ... mi pare sia un po' mischiata l'idea. Quasi in tutti i giochi di ruolo di dominazione, c'è sempre la parola magica "stop". Fino a quel momento il dominato soffre, godendo, il che non ci sarebbe stato se avesse mandato a cagare chi domina.

    RispondiElimina
  20. Bene, allora la cosa di cui parlo io non c'é lo stop, ma pretenderebbe di durare 24/24 .

    RispondiElimina

NOTA IMPORTANTE:
Firmarsi è segno di educazione!