Cerca nel blog

Caricamento in corso...

20 maggio 2011

Momento di consapevolezza

[uomo che dorme ed e consapevole]Ringrazio l'universo, la natura, il mondo, perchè oggi mi ha dato la possibilità di sentirmi libero, forte, me stesso. Sono talmente abituato a sentirmi oppresso da quello che mi circonda, che ho completamente dimenticato cos'è vivere.
Oggi ho uno stato diverso dal solito. Riesco a pensare oltre qualcosa e non lasciarmi travolgere dai pensieri negativi, come invece mi succede quasi sempre.
Noto però che il mio livello d'ansia aumenti, quando sono in tali stati, che io sinceramente chiamerei normali. Normali però non sembrano, poichè non mi sono abituato a sentirmi così. Dentro di me ho spesso un forte senso di colpa che mi fa star male. Il senso di colpa non mi aiuta in nessun modo. Non è una colpa oggettiva, chiara o reale, ma il frutto del mio passato. Mi sembra di aver fatto molte cose brutte, sopratutto quand'ero piccolo. Per esempio quando tiravo delle pietre a dei gatti, che non facevano niente di cattivo, oppure quando ho offeso un bambino in un ospedale, che era senza genitori, oppure quando rubavo soldi dai miei familiari. In certi momenti della mia vita, mi sembra di essere davvero una persona di merda. In altri stati che vivo, voglio addirittura finire la mia esistenza, per il senso di colpa che sento nella mia carne. Sarà questo il motivo per cui ho sofferto e soffro ancora? Tutto per questo maledetto senso di colpa? In ogni caso dirò che non mi sto giustificando affatto, ma solo cercando di capire cosa succede davvero nel mio cuore.

14 commenti :

  1. Buongiorno Jan,
    ma quale senso di colpa...ascolta quando da piccoli ci si comporta in maniera non onorevole è xchè si mette in pratica ciò che altri hanno fatto con noi,i comportamenti sbagliati(sempre da piccoli) sono scaturiti credimi dalla poco o forse troppa mancanza d'amore.Crescendo ci portiamo dietro tale fardello,senza riuscire a scrollarcelo,dici che a volte ti senti una persona di m...,prova a vedere ADESSO ciò che di brutto fai e analizza quanto, tu oggi con la tua testa fai di sbagliato,non credo che troverai nelle tue azioni di "oggi",decise da "te" qualcosa da farti venire un gran senso di colpa.
    Ti posso assicurare che quanto + la cattiveria subita da piccoli è grande + grande sarà il nostro stare male,secondo me dovresti guardare di + ciò che di bello hai intorno e lasciar perdere le cose brutte di cui non hai colpa.
    Io non so quanti anni tu abbia,ma ti assicuro che io oggi mi sono stancata a stare male x colpe che pur non essendo mie mi hanno portata a ferire me e gli altri,oggi sono io che mi assumo le mie responsabilità, si xchè oggi sono io l'artefice delle mie azioni.
    Ti ASSICURO che la persona di m....non è quella come te,(almeno da quello che ho letto nei tuoi post),io l'ho conosciuta ed è orribile.
    Credo che nel tuo cuore stia succedendo una cosa molta semplice,stai cercando la serenità.
    E' solo una mia modesta opinione Jan,lungi da me la presunzione di credermi chissà chi.
    Beh la mia pausa è finita ed il lavoro mi sgrida,cmq ricorda (almeno x me)hai dei sentimenti nobili e profondi,i tuoi post,come quest'ultimo lo confermano.
    Ti saluto e ti auguro una serena giornata,io....scappo via sperando oggi di risolvere il problema della macchina,sarà pronta o no???Staremo a vedere,se sentirai un urlo sarà il mio...
    Ciao
    LO

    RispondiElimina
  2. MI PIACE STA LO.
    Ettore

    RispondiElimina
  3. Grazie per il commento Lorella!
    Buona giornata anche a te.

    RispondiElimina
  4. Prego Jan...una parolina a Ettore se me lo permetti: mi fa piacere e ti ringrazio che ciò che penso riguardo Jan ti piaccia ma...vedi..sono solo una persona x carità xrò... sarebbe stato + carino se avessi omesso "sta".Cmq ti ringrazio.

    Ciao Jan

    LO

    RispondiElimina
  5. Comunque, per non fare confusione. Il seguente post è uno preso dal mio diario ... ed è del maggio dell'anno scorso. Forse dovrei cambiare la data. Ora lo faccio.

    RispondiElimina
  6. Eccoti...quindi significa che adesso sei cambiato?9 mesi sono tanti...x cui quello che ho scritto è forse + adatto al Jan di maggio dell'anno scorso.
    Beh...meglio no?
    Lorella

    RispondiElimina
  7. Certo, anche se lo stato cambia sempre.

    RispondiElimina
  8. Ehi Jan scusami ma voglio dirti una cosa,sai che mi hai fatto ridere di cuore...?vedi è buffo ma nella mia vita di solito sono io quella che parla poco e gli uomini non smettono(almeno quei pochi che conosco)tu invece sei veramente sintetico,dico.. ti ho scritto un commento abbastanza lungo e tu 7 parole....sei incredibile.Ma sono io che ti metto in difficoltà o in imbarazzo?Puoi dirlo senza problemi,capirò e magari migliorare.
    Ciao
    Lorella

    RispondiElimina
  9. Dirò che di solito parlo poco quando non sento il bisogno di dire molta alla persona con cui parlo. Le altre volte, perchè sono stanco. Le altre ancora, magari perchè sono confuso e non ho l'idea di cosa dire.
    Perchè dovresti migliorare, forse lo capisci solo tu stessa. Io non vedo in te nessun motivo per darti quel consiglio.
    Me lo chiedi perchè secondo te parlare tanto, è male per un uomo? Se sì, com'è per una donna allora? Sono curioso...
    Sai, molte volte essendo sintetico, anche nei temi scolastici, mi domandavo "ma perchè?"; mi manca la vastità del vocabolario? Può darsi, ma è anche noramale ... poichè ci sono parole che non uso abitualmente. Allora perchè? Infine sono riuscito a capire che a volte pure le parole più difficili mi vengono in mente quando non me lo aspetto.
    Forse ora ti domandi e pensi, come mai ho fatto a scrivere così tanto fino ad ora, eh? XD
    Beh, magari avrei potuto scrivere ancora di più, ma sono riuscito a sintetizzarlo in un qualche modo. E come? Rispondo: BOH! Chissà? Forse è il mio modo di parlare.

    RispondiElimina
  10. Oh no,parlare tanto non è male,nè x l'uomo nè x la donna,anzi...l'essenziale è non dire cattiverie,è solo che visto quanto scrivi nei tuoi post,mi sembrava strano che nei commenti,fossi + sintetico tutto qui.Cercherò, sempre se ti faccia piacere che continui a scriverti, di esserlo anch'io,non vorrei annoiarti.cmq se è il tuo modo di essere,va benissimo così,scusa la mia non era un'offesa,solo una semplice domanda,a me succede il contrario,se trovo la persona giusta, scrivere mi aiuta ad essere me stessa,ad aprirmi,mentre quando parlo,ho sempre un senso di disagio,forse sarà timidezza,non lo so,come dici tu: BOH.
    Beh che altro dire,cavolo non lo so +....allora
    ciao
    lorella

    RispondiElimina
  11. Non mi sono offeso. E il fatto che ti aveva fatto ridere, l'ho capito, ed anche molto bene. Ho cercato di scrivere qualcosina, anche di ironico. Sì, puoi scrivere quanto ti pare. Non mi annoia ... anzi, mi accontenta ... non ci crederai, ma pure quando scrive qualcuno che mi vuole male. Amo semplicemente il fatto di interessare a qualcuno. E poi avendo un blog, ci deve essere per forza qualcuno che commenta di tanto in tanto.
    Quello che invece riguarda il "parlare tanto" sì, è un po' ovvio. Comunque ti avevo fatto quella domanda, visto alcuni modi di dire, quando per esempio si dice "Uomo di poche parole", "Gli uomini parlano poco" ecc...
    Scusami per il fatto che vado fuori tema, ma non so perchè mi va di scrivere qualcosina. Ecco ... alcuni post che ci sono qui sul blog tra un po' saranno cancellati, come quelli che sono dei semplici post condivisi da altri blog, cioè le copia/incolla. Forse li cancellerò (non tutti), e lascerò di più cose su di me.
    Quello che mi chiedevi sul mio padre, forse un giorno lo vedrai scritto qui sul blog. Lo scriverò quando sarò pronto.
    Un'altra volta grazie per il fatto che commenti e condividi qualche parola con me. Mi fa davvero piacere.
    Buona notte!
    Jan

    RispondiElimina
  12. OK....abbastanza sintetica?dai scherzo
    Buonanotte anche a te
    Lorella

    RispondiElimina
  13. Grazie!
    Se guardi nel mio profilo di Google cosa c'è scritto vedrai "Non cercate di capire me, poichè io stesso non riesco a farlo".
    Quindi non tutte le cose che dico possono riferirsi a me, non perchè io sia un bugiardo, ma perchè cambio molto spesso il comportamento, anche senza volerlo.

    RispondiElimina
  14. Io invece sono monotona,non cambio,alla fine ritorno ad essere sempre la stessa,sai vorrei tanto poter cambiare un'unica cosa di un mio comportamento,lo vorrei con tutto il cuore,Dio quanto lo vorrei,ma non ci riesco,ci sono cose brutte del passato che anche volendolo con tutte le proprie forze non si possono cambiare,almeno io ho paura.Io a differenza di te lo vorrei,ma non sono capace.
    Ciao Jan
    Lorella

    RispondiElimina

NOTA IMPORTANTE:
Firmarsi è segno di educazione!